Il fotovoltaico batte i combustibili fossili anche più economici, secondo uno studio IRENA




Secondo una nuova analisi dell'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA), la quantità di energia rinnovabile più economica rispetto all'opzione più competitiva dei combustibili fossili è raddoppiata lo scorso anno.

In totale, il 62% (162 GW) dell'energia rinnovabile aggiunta lo scorso anno è stata sviluppata a un prezzo inferiore rispetto ai combustibili fossili più economici, a causa del calo dei costi delle tecnologie rinnovabili. Il rapporto sui costi della produzione di energia rinnovabile nel 2020 afferma che i costi del solare fotovoltaico sono diminuiti di un ulteriore 7% lo scorso anno.

“Oggi le rinnovabili sono la fonte di energia più economica”, ha affermato il direttore generale di IRENA Francesco La Camera. "Le rinnovabili presentano ai paesi legati al carbone un'agenda di eliminazione graduale economicamente interessante che garantisce di soddisfare la crescente domanda di energia, risparmiando sui costi, aggiungendo posti di lavoro, stimolando la crescita e soddisfacendo le ambizioni climatiche".


Nel decennio 2010-2020, il costo dell'elettricità dal solare è crollato dell'85% per il solare fotovoltaico. E con i prezzi record di $ 0,011-0,03 c/kWh oggi, il solare fotovoltaico è inferiore alla nuova opzione di carbone più economica senza alcuna assistenza finanziaria, afferma il rapporto.


Il rapporto ha anche mostrato che le rinnovabili hanno un costo di esercizio inferiore rispetto alle centrali a carbone. Oggi, oltre 800 GW della capacità operativa mondiale di energia a carbone sono più costosi da gestire rispetto al solare fotovoltaico.

Analizzando ulteriormente, negli Stati Uniti il ​​61% (149 GW) della capacità totale del carbone costa più dell'energia rinnovabile. In India, 141 GW di carbone è più costoso. E in Germania, nessuna centrale a carbone esistente ha un costo operativo inferiore a quello del nuovo solare fotovoltaico.


Allo stesso modo, un recente rapporto del Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems ha confermato che gli impianti solari in Germania hanno un costo dell'energia livellato (LCOE) sostanzialmente inferiore rispetto alle centrali elettriche convenzionali.


Come il solare sta battendo il carbone in Germania


Il Fraunhofer Institute for Solar Energy Systems ISE ha presentato la quinta edizione del suo studio sul costo livellato dell'elettricità (LCOE) delle centrali elettriche rinnovabili in Germania. I punti chiave includono:

  • Il LCOE degli impianti fotovoltaici ha continuato a diminuire dall'ultimo rapporto nel 2018

  • Il LCOE del fotovoltaico variava da € 0,031- 0,1101 c/kWh (US $ 0,037-0,132 c/kWh)

  • Oggi il LCOE dei sistemi ibridi FV-batteria varia da € 0,0524-0,198 c/kWh

  • Nel 2021, il LCOE delle rinnovabili è allo stesso livello delle centrali elettriche convenzionali

  • Le previsioni fino al 2040 hanno mostrato che il LCOE per i sistemi fotovoltaici a terra sarà di €0.019-0.035c/kWh

  • Entro il 2040, si prevede che i costi del sistema scendano al di sotto di 350 €/kW per il fotovoltaico a terra


Nell'ultimo decennio, i 534 GW di capacità rinnovabile aggiunti nelle economie emergenti (a costi inferiori rispetto al carbone) stanno riducendo i costi dell'elettricità di 32 miliardi di dollari ogni anno.

103 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti